La lettre en italien

lettre en italien

La lettre en italien

Publiée par Lettre aux parents confinés sur Jeudi 23 avril 2020
Lettera ai genitori in quarantena

Ci ritroviamo in famiglia.

Mai prima d’ora eravamo stati così spesso e per cosi tanto tempo coi nostri figli.

E’ l’occasione per parlare con loro. Per parlare loro più spesso, più a lungo del solito.

E’ l’occasione di ascoltarli. Di ascoltarli più a lungo, più del solito.

E’ l’occasione di conoscerli meglio.

Parlare coi nostri figli è essenziale per attraversare insieme questa crisi: rassicurarsi, sostenersi, dirsi le cose importanti.

Parlare coi nostri figli, per accompagnarli nel fare i compiti: parlare della scuola e del lavoro, parlare delle loro paure e dei loro successi è questo che li aiuterà a fare progressi, durante questa crisi ma anche una volta tornati a scuola!

I compiti della scuola sono una buona occasione di dialogo.

I bambini possono spiegare ai genitori quello che hanno capito, quello che non hanno capito, cio’ che è facile, ciò che è difficile.

Si può telefonare ad una zia, ad uno zio, ad un amico, una vicina per capire meglio.

Si può fare insieme, anche se si pensa che non ne siamo capaci.

Gli insegnanti inviano degli esercizi che i bambini sanno fare.

Gli insegnanti mandano anche degli esercizi più difficili che i bambini possono provare a fare prendendosi il tempo e cercando di capire, con voi, con le vostre domande, parlandone.

A volte è troppo difficile: non fa niente, lo faranno più avanti, a scuola.

Chiedete ai vostri figli quello che hanno capito anche se vi dicono “che non hanno capito niente”.

Dite loro cosa ne pensate, cercate di capire insieme.

Non si cerca la perfezione, ma di riflettere insieme.

Per i genitori che parlano una lingua diversa da quella della scuola:

Parlare è “dire e ascoltare”, è dialogare, condividere, e nella lingua o nelle lingue che si vuole, con la lingua con cui ci sente a proprio agio.

Tutte le lingue sono belle, utili e hanno valore per parlare coi propri figli.

Tutte le lingue sono valide, utili per chiedere, dire, consolare, arrabbiarsi, raccontare o farsi raccontare delle storie, spiegare, ridere insieme, o parlare di tutto o di niente?

Utilizzate la lingua (o le lingue) più familiare, la più facile, la più utile, la più naturale, la più efficace per dialogare con i vostri figli.

Lasciate scegliere ai vostri figli la lingua o le lingue che vogliono utilizzare, l’importante è comunicare.

Collettivo “La diversità, insieme” (genitori, insegnanti, formatori, ricercatori, studenti)


Vous aimerez aussi...

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *

Ce site utilise Akismet pour réduire les indésirables. En savoir plus sur comment les données de vos commentaires sont utilisées.

Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search